Fiere, Expo, Saloni del Vino cosa c’è da sapere.

Nel 2018 serve ancora esporre alle fiere vinicole?

La facilità di comunicazione tramite smartphone, la possibilità di spedire merci verso qualsiasi destinazione, le distanze facilmente raggiungibili con voli economici, hanno fatto si che tutto il mondo fosse a portata di mano, ma tutte queste agevolazioni ci hanno davvero permesso di vendere di più senza grosse fatiche, oppure sono state solo un’integrazione, un leggero miglioramento alle già rodate strategie di vendita? Esporre alla fiera vinicola è ancora un metodo davvero utile alle vendite di vino?

Prima di partire con i pro e contro e d’obbligo parlare dei numeri legati al vino, eccoti di seguito alcuni dati davvero importanti.

IDEE PER I GADGETS DA PORTARE IN FIERA

Vino in Cifre 2018, edito da Unione Italiana Vini in partnership con l’Osservatorio del Vino e in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier, fa il punto della situazione del mercato del vino italiano nell’anno appena concluso. (tratto da http://geishagourmet.com)

Vediamo i dati riassuntivi e salienti:

  • Il consumo di vino nel mondo: 281 milioni di ettolitri su un totale alcolici di 2,5 miliardi (11%)
  • Il primo Paese per consumi di rosso: La Cina (16 milioni di ettolitri)
  • Il primo Paese per consumi di bianco: Gli Usa (13 milioni di ettolitri)
  • Il primo Paese per consumi di spumanti: La Germania (3 milioni di ettolitri)
  • Primo esportatore a valore di spumanti: Francia (3,2 miliardi di dollari). Ma l’Italia è quella con i tassi di crescita più alti: +13%
  • Il primo fornitore di vino in bottiglia nell’UE: Il Cile (1,6 milioni di hl)
  • La regione più vitata in Italia. Sicilia: 99.000 ettari su un totale di 646.000
  • La regione che è cresciuta di più negli ultimi 15 anni. Veneto: 87.000 ettari (+13.200)
  • La superficie del vigneto biologico in Italia. 104.000 ettari, il 16% sul totale, di cui 39.000 in Sicilia
  • La varietà più prodotta nel 2017. Glera (19 milioni di barbatelle)
  • Numero di bottiglie di vino Dop prodotte nel 2016. 1,1 miliardi
  • La Dop più imbottigliata in assoluto. Prosecco Doc (410 milioni di bottiglie nel 2016)
  • Il peso delle prime 5 Dop sul totale imbottigliato a denominazione di origine. 44% (Prosecco Doc, Chianti, Montepulciano d’Abruzzo, Prosecco Superiore CV, Asti/Moscato)
  • Prime 5 destinazioni vini fermi bottiglia italiani. Usa, Germania, UK, Canada, Svizzera
  • Prime 5 destinazioni spumanti. UK, Usa, Germania, Svizzera, Francia
  • Prime 5 destinazioni frizzanti. Germania, Usa, Austria, Messico, UK
  • Prime 3 destinazioni vini bag-in-box. Svezia, Norvegia, UK
  • La quota valore del Prosecco sull’export Italia. 60% su totale spumanti, 13% su totale export Paese (dato settembre 2017, 550 milioni di euro)
  • Primo fornitore di vini in bottiglia e spumanti in Italia. Francia. Prezzo medio 21 euro/litro spumante, 4,90 vini in bottiglia
  • Primo fornitore di vino sfuso in Italia. Spagna. Prezzo medio 0,39 euro/litro
  • Il consumo pro capite di vino in Italia. 36 litri (31 la birra)
  • Quota dei consumatori di vino sul totale popolazione. 52% (28 milioni di persone)
  • Consumatori quotidiani. 13 milioni contro 15 di saltuari
  • Spesa annua in vino delle famiglie italiane. 4 miliardi di euro

Dopo questi numeri da capogiro, passiamo ai PRO e CONTRO per la partecipazione ad una fiera vinicola o un evento legato al vino o alla enogastronomia.

I PRO PER PARTECIPARE A UNA FIERA VINICOLA

1.

Fare networking
Il primo motivo che dovrebbe spingere le aziende di tutto il mondo a partecipare alle fiere vinicole – sia come espositori che come visitatori – è sfruttare la possibilità di incontrare persone interessate al proprio business, di conoscere partner con i quali ampliare il proprio bacino di affari, di fare networking come direbbero gli imprenditori più alla moda. La dimensione fisica in questo aiuta molto: permette, infatti, di guardare in faccia l’interlocutore, di capire di più dai movimenti del corpo, di entrarci in relazione con una semplice stretta di mano.

2.

Scambiarsi conoscenze
In una fiera di settore è possibile incontrare aziende che vendono prodotti e servizi come il nostro o dello stesso indotto merceologico. Questo aspetto è molto importante perché permette alle parti in gioco di scambiarsi conoscenze, know-how e, all’occorrenza, lavori. Stabilire delle relazioni di business è fondamentale per le imprese che vogliono crescere e unendosi questo obiettivo è più facile da raggiungere.

3.

Recuperare contatti di potenziali clienti
Oltre alla conoscenza con possibili partner di business, le manifestazioni fieristiche vinicole danno alle imprese la possibilità di conoscere possibili clienti, di scambiare quattro chiacchiere con loro per vedere se possono essere interessati al nostro prodotto/servizio. Se vi sembra difficile strappare un nuovo contratto durante i giorni dell’evento, potete recuperare i contatti, per prendere un appuntamento in un momento successivo. Questo darà anche la sensazione che la vostra azienda non sia solo e unicamente interessata al profitto, ma anche al rapporto umano al fine di crescere insieme.

IDEE PER I GADGETS DA PORTARE IN FIERA

4.

Entrare in contatto con mercati nuovi
Questo riguarda soprattutto quando si partecipa ad una fiera internazionale del vino. Qui, infatti, un imprenditore ha la possibilità di entrare in relazione con un mercato vinicolo diverso da quello domestico, regolato da norme diverse e capire se è il caso di entrarci oppure abbandonare il proposito. Capire le dinamiche, le usanze, la cultura, le modalità di interazione di un mercato estero è di fondamentale importanza quando si decide di allargare i propri confini, ed essere in loco è sicuramente il modo migliore per capire tutte queste cose.

5.

Migliorare la propria brand identity
Un’impresa che partecipa ad una fiera vinicola di settore è un’impresa che dà all’esterno una sensazione positiva di sé. Accogliere le persone nello stand, parlare con loro, essere cordiali e anche simpatici fa bene all’identità stessa del brand. Questo aspetto, a volte sottovalutato, ha l’obiettivo di far parlare bene della prioria attività, di indurre il passaparola, di fidelizzare i clienti già acquisiti e di ampliare la rete di quelli potenziali.

Questi 5 motivi girano tutti intorno ad un elemento fondamentale tipico degli eventi fieristici: la relazione umana, che genera fiducia e quindi contatti utili per potenziare il business.

I CONTRO PER NON PARTECIPARE A UNA FIERA VINICOLA

Ma naturalmente bisogna valutare anche i contro per non partecipare a una fiera vinicola:

1.

Costi elevati noleggio stand e attrezzature
A volte i costi nel noleggio dello spazio della fiera vinicola sono davvero elevati e per le piccole/medie imprese, non sono davvero ammissibili, anche perché oltre al noleggio dello spazio fieristico, bisogna aggiungere anche i costi per il noleggio degli arredamenti dello stand, luci e pubblicità.

2.

Costi di trasferta
I costi di trasferta si aggiungono inevitabilmente ai costi di noleggio e gestione della fiera, questi influiscono pesantemente sulle fiere all’estero. Oltre al viaggio vanno calcolati in modo preciso anche i costi di vitto e alloggio, per te e per tutti gli altri dipendenti che verranno coinvolti.

IDEE PER I GADGETS DA PORTARE IN FIERA

3.

Tempo di sviluppo e creazione
Oltre ai giorni di durata della fiera, bisogna calcolare bene anche i giorni impiegati per lo sviluppo della fiera stessa, ossia il tempo dedicato ai fornitori che monteranno lo stand, alla pubblicità a tutto il reparto del marketing.

4.

Poco afflusso alla fiera
A volte anche se la fiera del vino è molto rinomata, l’afflusso di gente non è adeguato alle aspettative. I motivi possono essere diversi e trasformare la fiera in un FLOP. Alcuni di questi fattori possono essere: bel tempo o estremo mal tempo, l’accavallarsi con date di altre festività o eventi non collegati alla fiera,

come ci si prepara al meglio alla fiera vinicola?

Ora passiamo alla parte pratica di come ci si prepara al meglio per partecipare come espositore alla fiera vinicola?

Preparazione all’evento
Con la stagione delle fiere vinicole, è il momento di cominciare a pensare a come coinvolgere le persone al vostro evento. Forse avrete già acquistato il vostro stand espositivo o il vostro KIT fiera (roll up, bancone personalizzato, tavolo maneggevole ecc.), ma che altro si può fare per garantire e rendere speciale il vostro stand?

Se siete a corto di idee o dubbi su come ottenere attirare l’attenzione delle persone, un elenco di suggerimenti creativi ed utili per contribuire ad avere un successo strepitoso alla vostra prossima fiera vinicola!

Anticipa che vai in fiera
Prima di iniziare a pianificare la propria esposizione, è sempre una buona idea partecipare a una fiera da semplice spettatore. Questo vi darà una grande indicazione su cosa aspettarsi dal programma o potrebbe aiutarvi ad indirizzarvi su cosa utilizzare o evitare per il vostro stand.
Osservando le varie fiere vinicole, pensate a ciò che le rende efficaci oppure no. Che parere ha il pubblico sullo stand? Quali sono gli aspetti chiave che si devono mettere in risalto ad una fiera del vino? Prendete nota di questi appunti e guardate tutti i dettagli che vi posso ispirare. Testimoniare i pro e contro vi metterà in vantaggio quando sarà la tua occasione.

Pubblicazioni o Contatti prima della fiera vinicola
Nella rincorsa a una fiera commerciale, potrebbe essere utile per entrare in contatto con gli editori delle pubblicazioni commerciali, leader nel proprio settore, quanto spesso può contribuire a generare interesse per la tua esposizione. Promuovi direttamente al vostro target di riferimento. Se si dispone di notizie interessanti o di un nuovo prodotto promuovi e racconta a loro anche questo. Più grande è la storia, più possibilità hai di ottenere il traffico al vostro stand.
In alcuni casi, potrebbe essere necessario stabilire un po ‘del vostro budget di marketing per ottenere una copertura in una pubblicazione commerciale. Se il bilancio è in grado di gestirlo, questo non è un cattivo affare. Anche il più piccolo annuncio può portare a un ottima esposizione o potrebbe influenzare solo alcune persone a far visita al vostro stand.

IDEE PER I GADGETS DA PORTARE IN FIERA

 

Spargi la voce con i blogger o mailing list
Se tu non hai un blog, e dovresti invece averlo, la cosa migliore è appoggiarsi a blogger che parlano di vino o del settore vinicolo, inserendo sulla lora piattaforma un’articolo che parla della Vostra presenza in fiera. Questo tipo di manovra di marketing può essere estremamente redditizio, soprattutto se il blogger ha un considerevole numero di seguaci.

I blog o le piattaforme social possono raggiungere un pubblico molto vasto, e a volte la spesa per un post è davvero bassa rispetto ai canali tradizioni di pubblicità. Puoi anche accordarti per uno scambio merci, in modo da far recensire il tuo vino oltre ad annunciare la tua prensenza durante la fiera.

Un altro buon consiglio per creare movimento pre fiera è quello di raggiungere i vostri clienti fidelizzati. Se hanno fatto uso dei vostri prodotti in passato, c’è una possibilità, che saranno interessati alla tua prossima fiera, per vedere le novità o accordarsi per possibili nuovi acquisti. Usa la tua mailing list per comunicare le date della fiera, e introdurre le novità, dare solo un piccolo assaggio senza svelare troppo è la cosa migliore per incuriosire il cliente e farlo venire alla fiera. Si potrebbero invitare anche amici, familiari o colleghi, ognuno dei quali potrebbe potenzialmente portare con se nuove persone e quindi nuovi possibili acquirenti.

Osa essere diverso
La regola generale da seguire quando si tratta di progettare il vostro stand è quello di creare qualcosa di invitante che metta in ombra gli stand dei vostri concorrenti. È possibile farlo con piccoli dettagli, come il cibo gratis o uno schema di colori attraenti, ma se il vostro budget lo permette, si può puntare sempre più in alto, con la creazione di uno stand scenografico che attiri l’attezione.

Scegli un buon personale da impegnare nel lavoro
La parte più importante della pianificazione per il vostro evento è fare in modo di avere i membri del team sempre a disposizione. Le persone migliori per il lavoro sono quelle accoglienti, accessibili e appassionate della vostra azienda. Con un sistema di supporto dedicato, divertente e di bell’aspetto, sarete ben attrezzati per invogliare e dare un nuova impronta!

Come gestire i vostri spazi
Quindi, hai fatto tutto il lavoro di preparazione per la vostra prossima fiera. Ora il gioco è trovare la combinazione giusta per andare avanti, ma cosa si può fare il giorno della fiera per garantire che il vostro stand farà successo?

Abbinare il vostro stand alla vostra personalità dell’azienda
La priorità è saper organizzare e vestire la vostra immagine aziendale: il vostro stand rappresenta il vostro marchio! Deve essere immediatamente riconoscibile sia per i clienti che vi conoscono e sia per coloro che sono nuovi. Per garantire che ciò accada, scegliete una giusta segnaletica, dei manifesti, combinazioni di colori e prodotti che vi distinguono ma anche conservano le caratterisitiche del prodotto che hai creato e vuoi mostrare. Più il tuo brand rimmarrà impresso, più carattere si aggiunge al vostro stand, creando sempre di più interesse.

Piccolo consiglio personale per il successo
Non preoccupatevi se non avete lo spazio, la capacità o il budget per la fiera con il vostro stand.
Come si può fare un piccolo spazio attraente? Semplicemente essere creativi! Sperimentando con l’illuminazione (giochi di luci omogenee), con gli schermi (un tablet darà il valore giusto), con i prodotti (arricchiscono ulteriormente il vostro marchio), segnaletica (una o due bandiere) o piccoli dettagli decorativi (fiori freschi, ornamenti, ecc.). Basta essere attenti a non sovraccaricare il vostro spazio con l’aggiunta di troppi elementi. In un piccolo spazio osservi il meglio sopratutto quando è semplice, ben organizzato e pulito.

IDEE PER I GADGETS DA PORTARE IN FIERA

Offrite al vostro pubblico la possibilità di accomodarsi all’interno
le Fiere possono essere sia un lavoro faticoso che gratificante. I partecipanti alle fiere di solito non tengono conto la possibilità di rilassarsi, quindi perché non offrire aree relax parte del vostro stand? Fornire una poltrona o sedia comoda in un ambiente tranquillo, farà bene per invogliare la gente a rimanere al vostro stand; Offri bevande, acqua in bottiglia o stuzzichini sarà l’occasione ideale per stabilire una conversazione. Sostituisce il generico metodo alla vendita sotto pressione senza problemi, questo approccio vi renderà molto più attraenti e più memorabili con il passare del tempo.

Lasciare alcuni gadgets
Tutti noi amiamo un buon gadget, giusto? Penne, matite, adesivi, distintivi … . Ma se siamo onesti, le fiere sono piene di questi oggetti. Per distinguersi dalla concorrenza, prova ad offrire ai visitatori qualcosa di un po’ diverso. Forse una tazza? O una palla stress? O portachiavi? Qualunque siano i vostri omaggi scelti, non dimenticate di stampare il vostro logo su di loro e rendili divertenti, facili da trasportare in una borsa, ma allo stesso tempo abbastanza utile per essere tenuto dai visitatori come promemoria dei vostri servizi.

(tratto da wineblogroll.com)
  • 15 gennaio - ViniVeri 2018 - Assisi
  • 20-21 gennaio - Sangiovese Purosangue - Roma
  • 21-22 gennaio - VinNatur - Genova
  • 22 gennaio - Io Bevo Così (Milano - Solo operatori)
  • 27-28 gennaio - Wine&Siena (Siena)
  • 10-12 febbraio - Sorgente del Vino Live (Piacenza)
  • 25 febbraio - Vinoi (Firenze)
  • 3-5 marzo - Live Wine "Salone internazionale del vino artigianale" (Milano)
  • 4-5 marzo - Terre di Toscana (Camaiore)
  • 24-25 marzo - Vinifera (Trento)
  • 24-26 marzo - Taste Alto Piemonte (Castello di Novara)
  • 4-9 aprile - Campania Stories (Napoli)
  • 7-8 aprile - Pesaro Wine Festival (Pesaro)
  • 13-15 aprile - Vini Veri (Cerea)
  • 14-15 aprile - SUMMA 2018 (Tenuta Alois Lageder)
  • 14-16 aprile - Vinnatur Villa Favorita (Monticello di Fara – Sarego -Vicenza)
  • 15-18 aprile - Vinitaly (Verona)
  • Aprile-Maggio - Vinum Alba (Alba)
  • 21-25 / 28-30 aprile / 1 maggio - Only Wine Festival (Città di Castello)
  • 5-11 giugno – Radici del Sud (Bari)
  • 15-17 giugno - Roséxpo (Lecce)
  • 8-17 giugno – Vinoforum (Roma)

Questi sono solo alcuni degli eventi enoici, quindi focalizzati sul vino (a differenza di molti eventi a carattere enogastronomia più incentrati sul “food”) ma si prevedono aggiornamenti nel corso dei prossimi mesi, in quanto molte delle manifestazioni non citate devono ancora pubblicare date definitive. Invito tutti organizzatori, consorzi e non ultimi gli appassionati a segnalare eventi non presenti in calendario, in modo da poterli includere nella lista.

Le più importanti fiere del vino del mondo. Quali sono, quando e dove? (tratto da wineblogroll.com)
  • 11-12 marzo - Raw Wine (Londra)
  • 18-20 marzo - Prowein (Düsseldorf)
  • 6-7 maggio - Wine Day Xperience (Patrica - FR)
  • 21-23 maggio - London Wine Fair (Londra)
  • 28 giugno-1 luglio - Müller Thurgau: Vino di montagna 31° rassegna internazionale (Cembra)

Più di 5.000 gadgets tra cui poter scegliere in una vasta gamma di colori e forme. MM IMMAGINE da più di 15 anni nel settore dei gadgets promozionali ti aiuterà nella scelta del prodotto più idoneo e nel rispetto delle consegne per fiere ed eventi.

Contattaci
Nome
Email
Info
Orari di apertura

I nostri uffici sono a tua disposizione nei seguenti orari:

Lun - Ven09:00 - 18:00
Sab - DomClosed
CHIAMA LO 031.3574828